Tessuto denim: vantaggi e svantaggi

Tessuto denim: caratteristiche che non indovinerai mai

Si prevede che il mercato globale dei tessuti in denim crescerà a un CAGR del 4,4% nel periodo dal 2021 al 2030. La pandemia ha colpito diversi settori in tutto il mondo. 

Negli ultimi tre decenni, il mercato dei tessuti in denim è passato da una piccola quantità a un’industria multimiliardaria. Qui esploreremo i vantaggi e gli svantaggi di questo tessuto. Inoltre, discuteremo i vantaggi e gli svantaggi della realizzazione di vestiti in tessuto denim .

Cos’è il tessuto denim?

Il tessuto denim è un caposaldo dell’abbigliamento americano. I suoi filati sono strettamente ritorti ed è spesso trattato con una tintura indaco. La tintura conferisce ai fili esterni del denim un colore blu, mentre l’interno rimane bianco. Il tessuto denim è tessuto in un’ampia varietà di capi, dai jeans agli abiti e persino alle t-shirt. Il peso di un capo in denim varia a causa dello spessore dei filati.

tessuto denim
tessuto denim

Il processo di realizzazione del tessuto denim inizia con filati fiammati. I filati vengono filati per produrre un tessuto estremamente resistente. Quando vengono intrecciate in jeans, le trame e gli orditi vengono intrecciati in modo che il tessuto abbia un bordo che non si sfilacci. Questo tessuto viene poi trasformato in capi in denim utilizzando un telaio a navetta. Poiché l’incombente della navetta è un processo ad alta intensità di manodopera, il tessuto denim ha una trama più fitta. I tradizionali produttori di jeans usano il tessuto fino al bordo della cimosa.

L’origine del tessuto denim risiede in una città francese chiamata Nimes. Il tessuto era originariamente composto da lana e cotone. Sbalordito dalla sua durata, divenne presto un capo di abbigliamento popolare. Il termine “denim” deriva dalla frase francese “serge de Nimes”, che significa “serge de Nimes”. Questi indumenti erano originariamente indossati da marinai e pescatori indiani, ma alla fine il tessuto divenne popolare in tutto il mondo e divenne una dichiarazione di moda. Oggi è un caposaldo della vita moderna ed è uno dei preferiti di milioni di persone in tutto il mondo.

Di cosa è fatto il denim?

Di cosa è fatto il tessuto denim? Questo articolo ti spiegherà le basi di questo tessuto. Il denim tradizionale è realizzato in cotone intrecciato in un tessuto twill. La trama in twill crea le caratteristiche creste diagonali che rendono il denim così resistente e spesso. Al giorno d’oggi, il denim è solitamente realizzato con una combinazione di cotone e poliestere, che aiuta a controllare il restringimento. Le fibre elastiche possono essere incorporate in alcuni tessuti denim e la quantità di elasticità è generalmente compresa tra il due e il tre percento.

Il denim è un tessuto twill a trama fitta. Il cotone è usato come filo di ordito, mentre i fili di cotone bianco sono usati come filo di riempimento. Questi due fili sono tesi per tutta la larghezza del tessuto, dove si intrecciano ad angoli di 90 gradi con il filo di ordito. Il motivo risultante è noto come twill. La trama in twill della mano sinistra è più morbida, mentre la trama in twill della mano destra corre diagonalmente da sinistra a destra.

Il tessuto denim è disponibile in molti stili e prezzi. Tuttavia, il tessuto principale è il cotone, che è sia conveniente che durevole. Durante il processo di produzione, il denim viene lavato per rimuovere l’eccesso di colorante indaco e renderlo più flessibile. Tuttavia, questo tipo di denim viene spesso definito denim grezzo/asciutto e ha una sensazione più rigida rispetto ad altri tipi. Questo tipo di denim è spesso utilizzato in abbigliamento e accessori, inclusi jeans e camicie.

I vantaggi dell’utilizzo del tessuto denim

Il denim è un materiale di cotone duro che ha molte proprietà che lo rendono ideale per il cucito. Il colore tradizionale del denim è il blu e le fibre del tessuto sono strettamente intrecciate. Questo rende il tessuto denim relativamente resistente e durevole, ed è facile da modellare e allungare. Poiché l’indaco ha una scarsa affinità con la fibra di cotone, non è un ottimo colorante per il denim. La soluzione migliore è tingere il denim con una sostanza chimica chiamata melaleuca, che ha una maggiore affinità per la fibra di cotone.

Tuttavia, non tutto il denim è realizzato con questo tessuto naturale. Il processo di produzione dei jeans in denim rilascia una grande quantità di rifiuti, gas serra e inquinamento. Si stima che 4 miliardi di persone nel mondo siano colpite dalla scarsità d’acqua. Il cotone è anche uno dei tessuti più inquinanti, in quanto richiede un’elevata quantità di acqua per crescere. Per realizzare un paio di jeans viene utilizzato un chilogrammo di cotone.

Sebbene il denim sia costoso, è un tessuto versatile che può essere utilizzato per molti diversi tipi di abbigliamento. È anche uno dei tessuti naturali più convenienti, poiché costa all’incirca come i materiali sintetici. Tuttavia, può essere costoso se acquisti determinati tipi. Il denim organico grezzo può costare decine di dollari per metro. Tuttavia, puoi trovare cotone biologico, che viene prodotto eticamente. Vale la differenza di prezzo se vuoi fare uno sforzo consapevole per acquistare materiali eco-compatibili.

I contro dell’utilizzo del tessuto denim

Il denim è un tessuto robusto ed economico, ma non è privo di svantaggi. Le fibre sono costituite da una fibra di cotone costrittiva, che la rende rigida. Il denim grezzo ha una caratteristica rigidità che lo rende rigido anche dopo un lavaggio. I capi in denim possono essere ammorbiditi con trattamenti di lavaggio specifici, ma il denim grezzo sarà sempre rigido. Questo perché il denim richiede una temperatura molto alta per essere ammorbidito. A seconda del tessuto, ci sono diversi modi per lavarlo e trattarlo.

Poiché il denim è un tessuto pesante, alcuni marchi scelgono di utilizzare denim riciclato. Sebbene i capi in denim siano più economici dello chambray, questi possono essere costosi e non appropriati per l’estate. Un altro svantaggio è che i vestiti in denim tendono ad essere troppo caldi da indossare in estate. Quindi, è importante considerare come ti prenderai cura dei tuoi capi in denim prima di effettuare un acquisto. Tuttavia, ci sono alcuni modi per ridurre al minimo questi effetti negativi.

Il riciclaggio del denim è un’opzione praticabile per chi si preoccupa dell’ambiente. Sebbene il processo di riciclaggio del denim sia rispettoso dell’ambiente, il denim riciclato può essere un po’ incoerente. Poiché il denim riciclato è relativamente nuovo, la qualità del prodotto può variare. Tuttavia, è molto più ecologico della fibra di vetro. Lo svantaggio è che il materiale non è stabile come la fibra di vetro ed è più costoso da spedire. Per questi motivi, il denim è una scelta eccellente per l’isolamento.

Storia del tessuto denim

La storia del tessuto denim può essere fatta risalire alla città francese di Nimes. I sarti iniziarono a tessere il cotone insieme in un modo insolito. La trama passa sotto due o più fili di ordito, creando un tessuto rinforzato. I fili esterni deformati sono stati tinti di blu, mentre il filo interno è rimasto bianco. Ciò ha portato a jeans e giacche di jeans. Il processo di invecchiamento del denim è il risultato della tecnica di tessitura unica.

Il processo di produzione del denim iniziò nel XVI secolo in Francia e in Italia. Un uomo di nome Jean-Gabriel Eynard era responsabile dello sviluppo del tessuto. Le truppe di Massena erano appena sbarcate a Genova. Il lavoro di Eynard includeva l’equipaggiamento delle truppe e la progettazione dei primi blue jeans. Il suo design sarebbe poi diventato la base per il tessuto denim. Questa storia del tessuto denim ti racconterà come sono nati i jeans.

Originariamente progettati per i lavoratori, i jeans furono resi popolari negli anni ’30 e continuarono a crescere in popolarità negli anni ’50. Erano indossati da tutti da Hollywood ai contadini delle piccole città. Man mano che la loro popolarità cresceva, divennero più accettabili in ogni categoria della società, dagli studenti universitari privilegiati agli agricoltori della classe operaia. Nonostante il fatto che i jeans siano stati indossati per la prima volta a metà del 19° secolo, l’abbigliamento porta ancora un’eredità distintamente maschile.

Come prendersi cura e pulire il tessuto denim?

Lavare il tuo denim è una parte vitale per mantenerlo bello e sentirsi fresco. È molto importante evitare di lavarlo eccessivamente e asciugarlo in linea. Entrambi questi metodi possono danneggiare il tessuto, quindi lavarlo al rovescio è il modo migliore per mantenerne la bellezza. Il detersivo giusto e una spazzola delicata ti aiuteranno a pulire correttamente i jeans. Alcuni trucchi per pulire i jeans includono evitare l’asciugatrice, pulire i punti e usare uno spazzolino da denti.

Evita di lavare il denim grezzo, poiché è soggetto a macchie. Per una rapida pulizia delle macchie, usa un cucchiaio o il bordo di una carta di credito per raschiare via il solido. Non strofinare mai un solido sul denim; questo lo spingerà solo più in profondità nel tessuto. Se usi un detersivo, assicurati che sia progettato per il denim e non per qualcosa con un odore forte o materiali abrasivi. Ricorda che strofinarlo leggermente può causare il trasferimento del colorante.

Quando lavi i jeans, prova a separare i colori in modo che non si trasferiscano l’uno sull’altro. Il colorante indaco più scuro può trasferirsi su colori più chiari. Per evitare il trasferimento di colore, puoi anche lavare il denim in acqua fredda. Un marchio come DL1961 utilizza meno di 10 galloni d’acqua e crea internamente ogni capo di abbigliamento. Con i suoi stili meravigliosamente classici, è la scelta perfetta per l’uso quotidiano.